Torna indietro

Fisico

Trattamento di tipo fisico cui vengono sottoposti i fanghi per eliminare  l’acqua cosi da ridurre la frazione liquida e aumentare il contenuto solido. Questo processo si realizza naturalmente o con l'ausilio di filtri meccanici e centrifughe. Il processo di disidratazione del fango si rende necessario al fine di limitare i costi legati allo smaltimento.

Ispessimento

Trattamento naturale di tipo fisico che sfrutta la precipitazione dei fanghi e porta all' aumento del contenuto solido eliminando l'acqua in esubero o surnatante; E' forse il sistema più adottato e può essere realizzato per gravità, utilizzando ispessitori statici  e meccanici.Entrambi sono applicabili a qualsiasi tipo di fango; vengono dimensionati in base al carico idraulico giornaliero.I tempi di permanenza non devono superare 1-2 giorni, specie nelle stagioni calde, per evitare la formazione di fermentazioni anaerobiche, con produzione di cattivi odori e formazione di bollicine di gas, che pregiudica il processo di addensamento. Questo tipo di processo naturalmente è vantaggioso in quanto non richiede personale esperto, poca manutenzione impiantistica e richiede bassi consumi energetici. Tuttavia ha dei bassi rendimenti, può essere fonti di cattivi odori e imponi maggiori superfici rispetto ai trattamenti meccanici.

Disidratazione Naturale

Generalmente su letti drenanti oppure filtri a sacchi.Questa modalità presenta le seguenti caratteristiche: 

²      non richiede personale esperto

²      richiede poca manutenzione

²      non comporta consumi energetici

²      ha costi impiantistici contenuti

²      consente rendimenti più elevati di quelli della disidratazione meccanica

²      scarsamente sensibile alle produzioni discontinue di fango 

²      può essere fonte di cattivi odori con fango sufficientemente stabilizzato

²      si chiede superfici per la realizzazione di letti e/o terreni drenanti

²      i tempi di disidratazione sono relativamente lunghi 

²      occorre personale per la gestione del fango secco

Filtrazione Meccanica

Vengono utilizzati i filtri a vuoto, nastro-presse, filtro-presse, previo condizionamento chimico dei fanghi per favorire la coagulazione dei fiocchi. Sono macchine che lavorano il fango pressato su teli drenanti con vari sistemi. 

Essiccamento Termico e Incenerimento

Si realizzano quando si hanno fonti di calore a basso costo. Date le elevate temperature a cui si opera, il fango subisce una  vera e propria sterilizzazione. Il fango essiccato, ridotto in polvere o pellettizzato è facilmente accumulabile in sacchi e silos, col vantaggio di non essere soggetto a fermentazioni successive, data la bassa umidità.Una volta disidratato, il fango è un materiale solido e come tale può essere smaltito con un qualsiasi sistema ai rifiuti solidi urbani.  Il più comune è la discarica controllata con rifiuti solidi urbani e/o industriali variamente miscelato e con le varie tecnologie adottate in questi casi.









Sito Web realizzato da: Maior ADV - Agenzia di Comunicazione