Torna indietro

Chimico

Stabilizzazione e condizionamento

Con questo trattamento si cerca di rendere il fango stabile cioè scarsamente putrescibile, non più maleodorante ed "igienizzato" con ridottissima  carica patogena, in modo da poterlo smaltire senza creare problemi di natura ambientale o igienica.

La stabilizzazione del fango può essere ottenuta o per via biologica o per via chimica. Quando è ottenuta per via biologica, in condizioni controllate, si parla di ''digestione'' del fango.

la digestione completa o totale comporta una degradazione molto spinte delle sostanze organiche presenti nei fanghi; negli impianti di depurazione, interessa ottenere invece una digestione ''tecnica'' , cioè anche non perfetta e completa ma allo stesso tempo condizionato palabile e senza che sviluppi cattivi odori. Il vantaggio derivante dal processo di stabilizzazione è considerevole soprattutto per quanto concerne  la stabilizzazione aerobica. 

Centrifugazione 

Si basa sulla separazione solido/liquido per azione della forza centrifuga, sempre con fango precondizionato chimicamente; in questo caso è preferibile l'utilizzo di polielettroliti organici.

I reagenti chimici generalmente utilizzati sono:

  • sali metallici quali cloruro ferrico e cloruro di alluminio

  • latte di calce, specie nelle filtro presse 

  • polielettroliti organici

la scelta del coagulante è molto importante. Per i polielettroliti organici spesso si ricorre a miscele per avere uno spettro di intervento più ampio 









Sito Web realizzato da: Maior ADV - Agenzia di Comunicazione